chirurgia
 
 
radiochirurgia
Cura del cancro   Centro Oncologico per la cura del Cancro e dei Tumori, Roma
radiochirurgia
 
  CURA DEL CANCRO - CENTRO TUMORI
 
 
 
  centro tumori CHI SIAMO centro tumori centro tumori TUMORI centro tumori centro tumori DIAGNOSTICA centro tumori centro tumori TERAPIE centro tumori centro tumori DOMANDE RICORRENTI centro tumori centro tumori MAPPA centro tumori centro tumori CONTATTI centro tumori
 
radiochirurgia
radioterapia
terapieDiagnostica - PET
radiochirurgia
oncologia  
HOME / DIAGNOSTICA / PET - TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI
   
 
radioterapia
tumore
 
cancro Mezzi diagnostici
cancro TAC - tomografia assiale computerizzata
tumore tumore
cancro PET - tomografia ad emissione di positroni
tumore tumore
cancro RMN - risonanza magnetica nucleare
tumore tumore
cancro Marcatori tumorali
cancro Esame istologico
cancro Biopsia
tumore tumore
 






  Radiochirurgia Radiochirurgia  

PET - TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI

La tomografia ad emissione di positroni (PET): è molto più costosa rispetto alla TAC ed è disponibile solo in alcuni centri specializzati (alcuni centri convenzionali sono, a Napoli il Centro SDN, a Milano l'Ospedale San Raffaele).

E' una tecnica di medicina nucleare che permette di localizzare con precisione, all'interno del cervello o di altri organi del corpo, una sostanza somministrata precedentemente al paziente e marcata con un radioisotopo che emette positroni. La PET segue il percorso di tale sostanza all'interno del corpo e poi nell'organo da esaminare. I dati raccolti, elaborati dal computer, forniscono un'immagine radiologica istantanea della funzionalità dell'organo preso in esame.I traccianti radioattivi utilizzati sono costituiti da elementi normalmente presenti nell'organismo o analoghi di sostanze che partecipano ai processi metabolici.

In oncologia, la PET è ormai divenuta fondamentale quale mezzo diagnostico sempre più rilevante, riuscendo a dare informazioni specifiche su alterazioni di processi metabolico-funzionali che precedono l'insorgenza di una malattia oncologica: rileva cioè i cambiamenti nel metabolismo delle cellule anziché nella loro struttura anatomica o nelle dimensioni del tumore In altre parole, essa evidenzia quelle cellule in cui presumibilmente si possono manifestare le metastasi tumorali.

In tal modo, essa consente non solo di diagnosticare un cancro, ma anche di rappresentame in modo tridimensionale le dimensioni e la diffusione, anche e in particolar modo delle riproduzioni tumorali in tutto il corpo.

Queste conoscenze sono di valido aiuto all'oncologo al momento di prendere una decisione sulle successive misure terapeutiche da adottare, come una chemioterapia o un intervento chirurgico, in quanto, in corso di terapia, è possibile individuare gli effetti della cura sul tumore più precocemente di quanto non si possa fare con la TAC o la radiografia toracica, che possono solo riscontrare variazioni volumetriche del tumore dopo parecchi cicli di terapia. Inoltre, due settimane dopo aver iniziato una cura è già possibile sapere se questa ha avuto successo e se è opportuno continuarla. In caso di dubbio ciò può aiutare ad evitare la somministrazione di molti cicli chemioterapici che si dimostrino fin dall'inizio poco efficaci, con gravi effetti collaterali per il paziente.

Grazie alla PET è possibile riconoscere con una precisione al 90% tumori maligni.

 
TORNA SU ^
  oncologia  
 
scrivi una mail
Centro Tumori
 
 
 

 
 
 
radiochirurgia
 
radiochirurgia
 
 
chirurgia
Radiochirurgia Radiochirurgia Radiochirurgia
     
  Curadelcancro.it | Centro Oncologico per la cura del cancro e dei tumori | Dottor Marco Meloni, Casa di Cura Villa Aurelia - Roma  
     
radiochirurgia radiochirurgia radiochirurgia
     
 
CONSULENZE PAZIENTI Cellulare) -(Fax) siti web
consulenze@curadelcancro.it